9 modi per contenere le dimensioni di un File di Revit.

In questo articolo parliamo di dimensione dei file di Revit. Esse infatti influenzano notevolmente le prestazioni, in termini di efficienza, velocità di apertura etc.

Prima però è importante fare una premessa, quanto leggerete di seguito è solo in parte frutto della nostra esperienza; si tratta, infatti, in larga maggioranza di consigli, suggerimenti e “best practices” scaturiti da confronti avvenuti su forum, o da articoli pubblicati su blog, raccolti e testati nel corso di anni di utilizzo del sofware. Abbiamo pensato di selezionare e riunire i migliori ( cioè quelli che a nostro avviso sono i più efficaci) per creare un reposity facilmente consultabile da chiunque.

1 – Eliminare gli oggetti inutilizzati.

Durante il lavoro su un file si accumulano inevitabilmente un sacco di elementi che, per i motivi più svariati non entrano poi effettivamente a far parte di un progetto. L’esempio classico è rappresentato da tipi di elementi che vengono aggiunti al file al momento del caricamento di una famiglia e di cui poi ne vengono effettivamente impiegati 1 o 2 al massimo. A parte calare un velo pietoso sullo scarso uso che ancora oggi viene fatto dei cataloghi dei tipi (nonostante ormai da alcune versioni la procedura sia stata automatizzata), la soluzione consiste nell’utilizzo del comando elimina inutilizzati (Purge) presente all’interno della scheda Gestisci.

Figura 1 Il comando elimina inutilizzati.

Figura 1
Il comando elimina inutilizzati.

2 – Salvataggio dei file.

Salvare il file usando un’altra denominazione (solitamente si aggiunge un codice che va da una semplice numerazione all’indicazione della data). In questo modo sarà possibile azzerare la cronologia del comando annulla/Undo ( poca cosa). Se poi il salvataggio avviene attivando l’opzione compatta (compact file) Revit “ripulisce il data base” e l’impatto sulle dimensioni del file può essere d’avvero notevole.

Figura 2 - L'opzione comprimi file

Figura 2 – L’opzione comprimi file

3 – Gestione delle immagini raster.

Limitare la quantità di immagini Raster presenti nel file. È possibile farlo dalla scheda Inserisci> Gestisci immagini. Da questo suggerimento deriva anche il consiglio successivo:

Figura 4 - La finestra per la gestione delle immagini Raster

Figura 4 – La finestra per la gestione delle immagini Raster

4 – Gestione delle immagini di rendering.

Sarebbe buona cosa non salvare le immagini di eventuali rendering all’interno del file di progetto. Le immagini di rendering vengono infatti memorizzate come immagini raster ( cosa che in effetti sono) contribuendo non poco ad appesantire il file di progetto. Molto meglio quindi utilizzare l’opzione Esporta presente nella finestra di dialogo Renderig non appena terminato il calcolo e archiviare le immagini in una cartella a parte.

Figura 5 - L'opzione Esporta della finestra di Rendering

Figura 5 – L’opzione Esporta della finestra di Rendering

5 – File DWG.

Rimuovere DWG inutili. Come chiunque utilizzi Revit da un tempo sufficiente ad aver prodotto qualche cosa di concreto avrà intuito, il rapporto DWG/Revit è di amore odio. Per quanto il nostro amato software si “vanti” di dialogare perfettamente con il formato spesso l’importazione del file “sbagliato” può creare non pochi problemi di efficienza. Quindi in primo luogo il consiglio ( ordine….chi si permette di dare ordini!) è quello di non importare file DWG ma di collegarli. Nella malaugurata ipotesi che il file sia stato importato evitare accuratamente di esploderlo, e in ogni caso, e qui ritorniamo a bomba sull’argomento dell’articolo farlo sparire il prima possibile.

6 – Varianti di progetto.

Anche la presenza di varianti di progetto ( design option) contribuisce alla crescita esponenziale delle dimensioni di un file di Revit. Qui però si entra (o meglio non si entra perchè non affronterò l’argomento) nell’ambito dell’analisi di precisi workflow (che andrebbero) definiti all’interno di ciascun team di progettazione. Il consiglio è comunque anche in questo caso di sbarazzarsi al più presto delle opzioni scartate, allo scopo di alleggerire il file ( e anche di mantenere un livello minimo di sanità mentale per il proseguo dei lavori).

7 – I gruppi.

Veniamo all’argomento (spinoso) riguardante i gruppi. Dal punto di vista del file sicuramente vanno eliminati quelli inutilizzati o raramente utilizzati. Una certa scuola di pensiero (a cui ho scelto di appartenere) ne sconsiglia vivamente l’uso in generale, a causa di alcune difficoltà di gestione che comportano, ma a voi la scelta.

8 – Gestione delle Famiglie.

Quasi tutto quello che abbiamo detto in precedenza vale anche per le famiglie; ottimizzare il “peso” di una famiglia prima di inserirla all’interno di un progetto è un primo passo per contenere le dimensioni di quest’ultimo.

9 – Gestione dei warning

Be, qui siamo alla madre di tutti i consigli, eliminare quanto più possibile i warnings presenti all’interno del progetto. Questo influisce sulle dimensioni ma sopra tutto sull’efficienza dei file. Sono fermamente convinto che si tratti di un aspetto fondamentale della gestione dei file di Revit  e che sia veramente utilie sensibilizzare l’intero team di lavoro sulla necessita di contenere il più possibile il loro numero fin dalle fasi iniziali della modellazione. Troppo spesso osservo questo compito demandato ad una buon anima che sacrifica giornate intere in operazioni di pulizia e ottimizzazione che, con un minimo di attenzione, potrebbero risultare non necessarie. Mi riferisco soprattutto a problemi di sovrapposizione di elementi e interferenze macroscopiche che possono essere facilmente evitate.

Come detto si tratta di semplici consigli e best practices estrapolati ( e testati) in anni di frequentazione di forum e consultazione de blog e, naturalmente di utilizzo del software. L’elenco non ha assolutamente la pretesa di essere esaustivo, anzi mi piacerebbe che chiunque avesse un suggerimento l’ho aggiungesse ai commenti; ogni tanto aggiornerò il post in modo da avere sempre un elenco attuale.

A voi la parola dunque……

Download

 

4 Comments

about 3 anni ago Rispondi

Ciao Simo. Bell'articolo. D'accordo su tutto ma storco il naso sui gruppi, difatti argomento spinoso come da te suggerito. Lo saprai meglio di me che quando si gestisce un progetto, anche medio piccolo, i gruppi diventano quasi fondamentali. Io mi ci devo appellare di continuo. Grazie dell'articolo!

Simone Pozzoli

about 3 anni ago Rispondi

Ciao, I gruppi possono risultare "comodi" fino a che si ha a che fare con progetti modesti gestiti da una o poche persone. In progetti di maggiori dimensioni a cui si collabora a più mani ti assicuro che diventano quasi incontrollabili. Io personalmente cerco di starne alla larga il più possibile per evitare problemi, poi naturalmente esistono le eccezioni e il buonsenso. Come al solito si tratta di usare una funzione senza abusarne.

Angelica

about 2 anni ago Rispondi

Ciao , complimenti x l'articolo molto utile davvero!! Per quanto riguarda i warnings potresti indicarmi l procedura da seguire per eliminarli? Inoltre se posso azzardare avrei una domanda sulle animazioni di revit che sto provando a fare, qualche consiglio generale su come fare un video in visualizzazione rendering di 20 30 secondi in meno di due giorni? Grazie mille in anticipo

Simone Pozzoli

about 2 anni ago Rispondi

Ciao Angelica, Non esiste una procedura standard per eliminare i warnings, per il semplice fatto che dipendono da situazioni puntuali. Quello che ti posso consigliare è di non lasciarne crescere il numero nella "foga" di modellare o almeno di impostare dei momenti precisi in cui procedere alla loro revisione. Lasciarli accumulare con l'idea di risolvere il tutto alla fine non è una buona idea. In ogni caso modellando bene fin da subito il numero si contiene da solo. Per quanto riguarda l'animazione 20/30 sec in meno di due giorni sono una bella sfida. Il mio consiglio è di scartare a priori l'idea di realizzarla con una qualità "rendering" e puntare su di una "ombreggiata", con ampie carrellate ( hai presente le battaglie del signore degli anelli?) a livello di inquadrature, sono semplici da effettuare e di solito creano un bell'effetto senza mostrare troppi particolari. In bocca al lupo!!

Leave a Comment


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.