Angolo dello strutturata_2015 – Nodo Piastra/Trave

In questo articolo entreremo un po’ più nel dettaglio e creeremo una famiglia di piastra che ci permetterà di creare un collegamento trave/mensola. Esamineremo nello specifico i passaggie i ragionamenti inerenti la creazione della famiglia in modo da fornirvi un esempio da cui potrete attingere “idee” per situazioni analoghe:

PIASTRA TRAVE-MENSOLA

Per modellare la piastra di collegamento tra la trave, su cui verrà saldata, e la mensola è necessario pianificare per bene tutti i passaggi È possibile schematizzarli come segue:

  • Famiglia Esagono Parametrico.
  • Famiglia Dado.
  • Famiglia piastra completa.

Perquanto riguarda il primo punto in elenco, la famiglia di esagono parametrico, il consiglio è quello di partire da una famiglia di profilo,regolando le relazioni parametriche con una semplice formula matematica-trigonometrica. Osservate la Figura 1.

Figura 1 - Struttura profilo dado

Figura 1 – Struttura profilo dado

 

Trattandosi di un esagono infatti, gli angoli interni misurano tutti 120°, di conseguenza l’angolo formato tra un lato e un piano ortogonale ad esso, risulterà essere di 30°.

A questo punto è possibile creare un parametro che denominerò “Diametro Esterno”, e tramite esso, generare un parametro che definirò “Diametro Spigoli”; lo scopo di quest’ultimo è mantenere la regolarità dell’esagono, a tal fine è necessario impostare la seguente formula:

Diametro Esterno * tan(30°) * 2

Figura 2 - formula per la gestione del parametro.

Figura 2 – formula per la gestione del parametro.

Terminato il lavoro sulla famiglia di profilo, il passo successivo consiste ne l definire l’elemento dado. A tal fine, è possibile creare  una nuova famiglia a partire dal template Modello generico metrico, dove, attraverso una modellazione su percorso, definirò la geometria dell’oggetto.

Le estrusioni su percorso necessitano della combinazione di due elementi per la loro creazione:

  • – Un profilo: l’esagono precedentemente preparato.
  • – Un percorso: In questo caso un semplice asse verticale.
Figura 3 - Definizione dell'estrusione su percorso.

Figura 3 – Definizione dell’estrusione su percorso.

 

Diseguito i passaggi per la creazione della Famiglia:

  • Disegno dell’asse verticale di riferimento per l’estrusione, la cosa risulta più agevole se ci si pone in una vista verticale.
  • Caricamento o meglio nidificazione del profilo esagonale attraverso lo strumento “Carica profilo”(Figura 4).
Figura 4 - Tools per il caricamento del profilo.

Figura 4 – Tools per il caricamento del profilo.

 

  • Caricato il profilo, è necessario fare cli sul comando Termina, il profilo è estruso l’ungo il percorso definito.
  • Creato il solido per estrusione è necessario forarlo, operazione possibile attraverso l’utilizzo di un vuoto, ( o meglio solido di sottrazione) vuoto, che controlleremo attraverso il parametro il parametro“Raggio_Buco” in modo da poter decidere a piacere la dimensione del foro da creare.

Una volta definito il foro il passo successivo consiste nel rendere parametrica anche l’altezza del dado. (Figura 5)

5Figura 5 - Parametrizzazione altezza del dado.

Figura 5 – Parametrizzazione altezza del dado.

 

Definita e parammetrizzata la geometria della famiglia, è necessario impostarne le caratteristiche livello di categoria come riportato di seguito:

  • – Structural framing: Per definirne il comportamento in relazione con gli altri elementi del progetto.
  • – Basato su piano di lavoro: Questo permette di poterlo posizionarlo all’occorrenza su qualsiasi superficie e piano di lavoro. In sostanza di “attaccarlo” dove serve.
  • Condiviso: Come abbiamo detto in post precedenti una famiglia condivisa può essere abacata selezionata ed etichettata in ambiente di progetto anche se nidificato all’interno di un’altra famiglia.( Figura 6/7 ).
Figura 6 - Impostazione parametri categoria.

Figura 6 – Impostazione parametri categoria.

Figura 7 - Impostazione parametri categoria.

Figura 7 – Impostazione parametri categoria.

 

A questo punto il dado è pronto, ed è possibile nidificarlo in una  famiglia di piastra ( Figura 8/9 ).

Figura 8 - Famiglia piastra finita.

Figura 8 – Famiglia piastra finita.

 

Figura 9 - Famiglia piastra finita struttura piani di riferimento.

Figura 9 – Famiglia piastra finita struttura piani di riferimento.

 

Questa famiglia, è un parallelepipedo solido, con delle forometrie in corrispondenza della bullonatura.

Sono stati creati dei semplici Piani di riferimento ai quali è possibile vincolare i dadi.

Attraverso poi l’associazione tra parametri è stato possibile poi creare le Proprietà per l’assegnazione dei materiali ad entrambi gli elementi. ( Figura 10 e 11)

Figura 10 - Associazione parametri pannello Proprietà elemento.

Figura 10 – Associazione parametri pannello Proprietà elemento.

 

Figura 11 - Associazione parametri- pannello Proprietà famiglia.

Figura 11 – Associazione parametri- pannello Proprietà famiglia.

 

Il passo successivo consiste nell’inserire la famiglia nell’ambiente di progetto e completare tutti i nodi in cui la stessa piastra è prevista. ( Figura 12)

Figura 12 - Famiglia piastra posizionata in ambiente di progetto

Figura 12 – Famiglia piastra posizionata in ambiente di progetto

 

Inserire la piastra alle estremità delle travi però non basta, ora, per far sì che l’esecutivo risulti tale, quindi senza errori che potrebbero costare molto tempo e denaro, è necessario modificare le estensioni di taglio delle travi come indicato vedere in Fig. 13.

Figura 13 - Modifica dell'estensione di taglio della trave manuale.

Figura 13 – Modifica dell’estensione di taglio della trave manuale.

 

Al fine di rendere più facile l’operazione è possibile avvalersi del comando Allinea, prendendo come riferimento la piastra, ed allineando l’inizio/fine della trave stessa; In alternativa l’operazione è effettuabile anche inserendo un valore numerico nei campi dei parametri Start/End Join Cutback cpresenti tra le  proprietà della trave. ( Figura 14-15 )

Figura 14 - Modifica dell'estensione di taglio della trave tramite parametro.

Figura 14 – Modifica dell’estensione di taglio della trave tramite parametro.

Figura 15 - Modifica dell'estensione di taglio della trave tramite parametro.

Figura 15 – Modifica dell’estensione di taglio della trave tramite parametro.

 

Con quest’ultimo passaggio il lavoro di moderazione è terminato nel prossimo appuntamento ci concentreremo sul come estrarre i dati dal modello.

Arc. Davide Facchetti.

logo studio

 

3 Comments

Antonio

about 4 anni ago Rispondi

Buongiorno Davide, Potrebbe spiegare la differenza tra Structural Connection e Structural Framing? Grazie.

Davide

about 4 anni ago Rispondi

Ciao Antonio, per structural framing si intendono a grandi linee i telai strutturali, mentre per structural connection si intendono proprio le connessioni. Nella categoria Structural Framing, si ha la possibilità di definire la “sagoma della sezione” (Section Shape), quindi: profili a I, profili a C, a L, circolare, rettangolari ecc. Nella categoria Structural Connection, in linea di massima si considerano gli ancoraggi effettivi, quindi per esempio l’ancoraggio a terra di una colonna. Cambiano quindi anche i codici catalogazione OmniClass tra le due categorie. Ciao D.

Davide

about 4 anni ago Rispondi

nella fretta ho dimenticato di dire che: Structural Framing sono curved based su 2 punti Structural Connections sono point based quindi su 1 punto. Lo si può facilmente vedere su un modello analitico ;) Ciao Davide

Leave a Comment


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.